Home > Glossario > APPRENDIMENTO

In un senso riferito essenzialmente agli individui, in parte estensibile anche ai gruppi di lavoro e alle organizzazioni, l’apprendimento è costituito da una serie di processi attraverso i quali: a) si assorbono informazioni, conoscenze, idee e valori; b) si acquisiscono abilità, competenze e know-how.
Prendendo a riferimento i processi sociali e organizzativi tipici della nostra epoca, l’apprendimento può essere visto come un fenomeno che riguarda tutti i processi che si imperniano sulla conoscenza, considerando non solo i momenti dell’acquisizione di conoscenza anche quelli dalla sua creazione, dell’uso e dello scambio nel vivo dei sistemi di azione. Da questo punto di vista, posta la stretta interconnessione tra “conoscere” e “agire”, emergono con sempre maggiore evidenza le interconnessioni tra dinamiche dei contesti organizzativi e fenomeni di apprendimento individuale che in essi si verificano.
Emerge inoltre il ruolo fondamentale dell’esperienza che costituisce un fattore fondamentale dell’apprendimento, di peso in molti casi anche superiore a quello dei fattori tradizionali rispetto ai quali l’apprendimento equivale al semplice assorbimento di conoscenze esterne o alla ripetizione di azioni etero-determinate.
L’esperienza si accumula in forme individuali ma è anche strettamente legata alle dinamiche del contesto d’azione.  I risultati e le opportunità di apprendere variano molto in funzione del tessuto contestuale in cui l’azione individuale si colloca, in un processo di continuo e mutuo rinforzo tra conoscere/apprendere e agire/partecipare alle dinamiche contestuali.
A livello individuale, inoltre, si può cogliere il manifestarsi di diversi “stili di apprendimento”, più orientati alla sperimentazione concreta o più rivolti invece alla riflessione e all’astrazione.
L’apprendimento individuale si realizza quindi sia attraverso i canali dell’educazione e della formazione, sia attraverso la partecipazione ai contesti organizzativi e di lavoro, e,  più generale,  ai processi sociali e culturali. In questi termini, l’apprendimento formale viene inteso come un fenomeno che si svolge nell’ambito di strutture istituzionalmente dedicate alla funzione formativa e viene convalidato dal rilascio di diplomi, qualifiche, attestati, certificazioni, menzioni.
L’apprendimento non formale si realizza nell’ambito di attività strutturate aventi proprie finalità (produttive, amministrative e altre) nelle quali si verificano più o meno rilevanti occasioni di apprendimento. (In alcuni casi anche i risultati dell’apprendimento non-formale possono essere riconosciuti ed eventualmente convalidati attraverso specifiche certificazioni).
L’apprendimento informale riguarda tutto ciò che viene appreso nella vita quotidiana (ad esempio attraverso il sistema della cultura e dei media) anche secondo modalità di cui gli stessi interessati non sono necessariamente consapevoli.

Termini correlati
Conoscenza/e
Competenza
Apprendimento organizzativo
Riflessione

Alcuni riferimenti bibliografici
Alberici A., Imparare sempre nella società della conoscenza, Milano, Bruno Mondadori, 2002
CEDEFOP , Terminology of European Education and Training Policy. A selection of 100 key terms, Luxemburg, Office of Official Publication of the European Communities, 2008
Knasel E., Meed J., Rossetti A., Learn for Your Life Internal structure of events, ED   , 2000, ed. it. Apprendere sempre. L’apprendimento continuo nel corso della vita, Milano, Cortina, 2002
OECD, Recognising Non-Formal and Informal Learning: Outcomes, Policies and Practices, Paris, OECD Publications, 2010

Lascia un Commento

Devi aver fatto il login per inviare un commento