Home > Glossario > FORMAZIONE, METODOLOGIE DELLA FORMAZIONE IN AULA

Benché tuttora molto dipendente dalla tradizione “educativa” scolastica e universitaria, basata sulla frontalità tra docente e discente e sull’obiettivo di istruire attraverso il trasferimento di conoscenze, la formazione ha progressivamente abbracciato un concetto estensivo di education e ha sviluppato obiettivi e modalità di realizzazione autonome e originali. Le metodologie tipiche dell’educazione tradizionale – in qualche misura deficitarie anche nei canali educativi formali – possono infatti risultare scarsamente efficaci quando i destinatari sono adulti occupati, in contesti che possono essere definiti di formazione continua (nelle dimensioni del lifelong learning, apprendimento nel corso della vita, e del lifewide learning, apprendimento in una pluralità di luoghi e da diverse fonti).
L’efficacia delle metodologie formative è attualmente riconducibili a una serie di caratteristiche.  In primo luogo tali metodologie devono essere  attive e per quanto possibile esperienziali, ossia concepite in riferimento a problemi concreti (es. l’introduzione di un’innovazione organizzativa, l’implementazione di nuove norme, la necessità di ristrutturare alcune modalità tipiche dell’agire collettivo, etc..). In questo senso la formazione dovrebbe porsi come attività che porta all’erogazione di nuove conoscenze e/o all’indicazione di nuovi comportamenti, non in astratto ma in funzione delle – e come supporto alle – questioni reali su cui verte l’operatività dei partecipanti.
Una seconda importante caratteristica di efficacia riguarda la coerenza con cui il momento d’aula si inserisce nel percorso complessivo dell’intervento di formazione (articolato in analisi dei fabbisogni, progettazione, erogazione, monitoraggio e valutazione).  Le metodologie d’aula sono dunque corrette se conformi agli obiettivi assegnati e facilmente assoggettabili ai momenti di verifica previsti dal percorso.
Una terza caratteristica verte sulla cura del setting formativo, ossia di tutte le condizioni da cui dipende l’attenzione e il coinvolgimento dei partecipanti.  Attenzione e coinvolgimento vengono spesso sottovalutati o dati per scontati, essi rappresentano invece il cuore dell’intervento formativo e richiedono metodologie che mantengano vivo il setting anche grazie alle capacità dei formatori, e dell’insieme dello staff di formazione di fornire costante aiuto all’apprendimento.
Una quarta e fondamentale caratteristica delle metodologie formative efficaci rimanda all’animazione e alla facilitazione degli apprendimenti che è tipica degli interventi più riusciti.  Per tali funzioni ci si può attualmente valere di un’ampia serie di strumenti quali (per indicare solo i principali): 1. lavoro di gruppo (per la discussione di temi proposti dal docenti); 2. simulazioni (anche attraverso tecnologie capaci di stimolare il richiamo a esperienze concrete); 3.  role-playing (riguardo a situazioni che implicano alternative di comportamento, di decisione, etc..); 4. studio di casi (predisposti in modo da stimolare scelte e orientamenti); 5. auto-casi (mediante i quali i partecipanti possono riportare temi e problemi della propria esperienza); 6. testimonianze (da parte di soggetti con esperienze significative e centrate sugli oggetti specifici dell’intervento).
Una quinta caratteristica è costituita dal collegamento – che può accrescere significativamente il valore di determinate scelte metodologiche della formazione in aula – da un lato con interventi “oltre l’aula”, dall’altro con interventi basati sull’interconnessione multimediale.

Termini correlati
Formazione
Formazione, metodologie oltre l’aula
Formazione, tecnologie multimediali della -
Apprendimento

Alcuni riferimenti bibliografici
Bruscaglioni M., Per una formazione vitalizzante. Strumenti professionali, Milano, Franco Angeli, 2011
Lipari D., Logiche dell’azione formativa nelle organizzazioni, Milano, Guerini, 2002
Quaglino G. P., Fare formazione, Bologna, Il Mulino, 1985

Lascia un Commento

Devi aver fatto il login per inviare un commento